Free Energy e Tecnologie


Strano come certe tecnologie sono state portate all’estremo e altre invece sono rimaste invariate o appena migliorate nel corso degli ultimi anni.

Tutti d’accordo che ultimamente la scienza ha fatto passi da gigante ma, se approfondiamo l’argomento con spirito critico non possiamo non notare il divario d’evoluzione di alcune tecnologie rispetto ad altre, il che – sempre senza abbandonare lo spirito di cui sopra, che a quanto sembra la massa sembra esserne sprovvista – porta inesorabilmente a porci il perché.

Per citare alcuni esempi si può fare riferimento alle telecomunicazioni che si sono sviluppate in modo stratosferico nel giro di pochi anni, mentre invece l’energia che usiamo quotidianamente è sempre la stessa da più di un secolo. Oppure il motore a combustione interna: ha avuto sviluppo tutta la tecnologia che gli gira attorno ma in realtà il principio di funzionamento è sempre quello.

Sarcasticamente penso: come mai usiamo la radiolina di comunicazione del capitano James Kirk… e in orbita non staziona l’ USS Enterprise NCC-1701?

Ritornando al perché dell’ esorbitante divario tra le tecnologie non può non esserci che una sola spiegazione… IL DIO DENARO!

Se una tecnologia non ha riscontro remunerativo viene accantonata, nascosta, abbandonata a discapito dell’ambiente e del benessere di tutti; mentre invece tecnologie che assicurano alle multinazionali una costante e regolare iper-produzione vengono proposte fino all’esasperazione, dando origine ad un consumo sfrenato di beni per la maggior parte inutili, ma come ben sappiamo, di questi tempi… “nulla è più necessario del superfluo”.

Quanta gente cambia sistematicamente telefonino solo perché è uscito un nuovo modello buttando via quello “vecchio” anche se in ottimo stato e perfettamente funzionante? Quante persone cambiano l’auto sempre per lo stesso motivo? E la lista potrebbe proseguire per molto, ma penso che l’idea sia resa.

Quindi la maggioranza che ha l’insensata idea di come il denaro e la competizione siano motivo di stimolo nella creazione di tecnologie pro-uomo… gli consiglierei di ricredersi e fare un passo verso l’evoluzione della specie allargando la sfera della coscienza, difatti queste dicerie sono state messe in circolo proprio dalla corporatocrazia che pensa solo al profitto; effettivamente il denaro blocca e atrofizza esponenzialmente la tecnologia e un esempio lampante è la rinuncia delle missioni lunari per l’eccessivo costo, oppure progetti e intuizioni vantaggiosissime che semplificherebbero di gran lunga la vita di noi tutti, ma lasciate nel dimenticatoio per assenza di tornaconto… ma il “gregge” schiavo della nuova religione del guadagno adora solo il Dio Denaro e vede solo quello che gli viene messo sotto il naso, incapace di guardare oltre e immaginare così anche quello che non conosce, che è sicuramente un mondo migliore.

Purtroppo noi viviamo su un pianeta le cui risorse non sono illimitate e “il gregge” sembra non rendersene minimamente conto, questo concetto è spiegato esaurientemente da Annie Leonard, riconosciuta dal Times una dei 32 eroi 2008 in materia ambientale.

Lo sperpero di risorse e materie prime per creare beni di consumo ed energie antiquate, ci sta portando tutti oltre il punto di non ritorno, anche coloro dalle grosse e piene tasche.

Premetto che non sono un tecnico, quindi non ho la capacità di giudizio sulla validità delle informazioni che andrò a riportare nelle sotto-pagine, nelle quali mi limiterò – nei ritagli di tempo – a raccogliere materiale su tecnologie innovative ed energie pulite libere rinnovabili e sostenibili, poi starà all’interessato approfondire tali informazioni attestandone la veridicità.

Come ho già detto non sono un tecnico ma non per questo devo seppellire l’intuito sotto la lapide della censura, infatti per mezzo di esso l’uomo ha potuto inventare ogni genere di cose e anche se non ho i requisiti, posso intuire se vale la pena prendere in considerazione un determinato argomento. In conclusione la conoscenza è l’unica arma che ci renderà liberi, e voglio immaginare un futuro in cui le bollette finiranno per essere solo… un lontano e folle ricordo.

La scienza, che non persegue come fine ultimo il benessere dell’umanità, degenera nella perversione di se stessa. –Nikola Tesla-

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...